PICANHA

Che cos'è? Da dove arriva? Come si prepara? Molti di voi si sono posti queste domande.

Non è altro che un taglio tipico della cucina brasiliana da poco più di un 1 kg. Si tratta dell'interno della coscia, chiamata punta della sottofesa o codone, del bovino.

Anche se poco conosciuta in Italia può essere cucinata seguendo le nostre tradizioni anche se è indicata soprattutto per gli appassionati del barbecue.

Ha una tipica forma triangolare con un abbondante strato di grasso, spesso un centimetro, assolutamente da non eliminare perchè sarà proprio esso, sciogliendosi, a conferire a questo taglio tutta la sua succosità e sapore.


PREPARAZIONE:


La picanha può essere cotta al calore diretto sullo spiedone, tagliata in tre o quattro grosse fette ripiegate con il grasso all'esterno. In questo caso occorre rivoltarla spesso e regolarmente per evitare che il grasso coli in quantità eccessiva. La preparazione viene affettata solo nella sua parte esterna e servita, mentre la parte rimanente sullo spiedo viene rimessa in cottura.


In alternativa, il taglio può essere arrostito, iniziando dal lato senza grasso, per una certa durata, indicativamente 40 - 45 minuti.


Un modo veloce ma succoso e ricco di sapore, è quello di tagliarla a fette attorno ai 3 o 4 centimetri, nella stessa direzione delle fibre. Bastano pochi minuti, adagiando le bistecche nella padella ben calda e lasciando che il grasso si sciolga. A cottura quasi ultimata capovolgete la bistecca sull’altro lato per far sì che i succhi in eccesso fuoriescano.



5 visualizzazioni0 commenti